Toscana Endurance Lifestyle 2015

Ritratto di enricoquerci
Sheikh Mohammed & Sheikh Hamdan at San Rossore Racecourse

Tutti stanchi come se anche loro avessero partecipato a una 160 chilometri di endurance nella Tenuta e nell'ippodromo di San Rossore, ma soddisfatti e felici per l'esito della manifestazione nel suo complesso. Toscana Endurance Lifestyle 2015 è stata una novità per moltissimi punti di vista per San Rossore, per Pisa e per la Toscana intera. Fosse solo per i quasi 3 milioni di euro ricaduti sull'economia cittadina e non solo per tutto quello che la manifestazione ha portato seco, ne sarebbe valsa la pena ma, ovviamente, l'intento non era e non è stato solo quello.

Tutti hanno compreso che si trattava di un'occasione importante, un treno da non perdere e così circa 300 persone, il 20 agosto, con ancora molte ditte chiuse per ferie, sono intervenute al simposio internazionale "Fare business negli UAE", con il personale della Camera di Commercio di Pisa portava in continuo ulteriori sedie per gli ultimi arrivati. Si è parlato delle modalità burocratiche, giuridiche, amministrativi per chi abbia intenzione di investire negli Emirati, e anche delle possibilità che tali investimenti possono aprire. Questi giorni in Toscana erano volti ad ampliare le già consistenti relazioni commerciali tra UAE e Toscana ed è stata anche fatta esplicita richiesta affinché, in tempi relativamente brevi, si possa avere un volo diretto tra l'aeroporto "Galileo Galilei" di Pisa e gli Emirati. Le trattative sono già in corso e questa potrebbe essere un'accelerazione importante. A completamento di questa prima fase, oltre 340 faccia a faccia tra aziende toscane e compratori emiratini al fine di concretizzare con la pratica l'aspetto teorico.

Detto della parte di affari e relazioni pubbliche, veniamo alla parte sportiva (ma non solo) che si è svolta a San Rossore tra sabato e domenica. Certamente l'evento nell'evento è stata la presenza di Sheikh Mohammed al Maktoum e di suo figlio Sheikh Hamdan all'ippodromo di Pisa. Atterrati al "Galilei" sono arrivati per una prima visita venerdì pomeriggio per poi tornare il giorno dopo per assistere alle tre prove internazionali. Era annunciata la partecipazione in gara anche di Sheikh Hamdan, ma all'atto della chiusura delle iscrizioni, la sua defezione. Il Crown Prince di Dubai ha però seguito in prima persona gli atleti delle sue scuderie, presenziando anche ai punti di ristoro all'interno della Tenuta di San Rossore.

Le gare sono state dominate dagli atleti degli Emirati che hanno lasciato solo un terzo posto a un'amazzone irlandese (che montava, comunque, un loro cavallo) per eliminazione del vincitore nella 120 km open al cancello veterinario alla conclusione della gara.

A tal proposito, la temporanea squalifica degli UAE dalla FEI ha fatto bene a tutti, per ristabilire un clima di serenità e di professionalità a ogni livello. San Rossore è stata la vetrina che gli UAE hanno voluto utilizzare per ripresentarsi al mondo equestre e hanno voluto farlo nel migliore dei modi. L'augurio è che questo duri nel tempo.

Questa la selezione delle foto sull'evento